PERSONA NON GRATA

Tutti hanno potuto assistere ad una specie di intervista dell’ Avvocato Penalista Ernesto Pino rilasciata ad un tale di nome Carmelo Puglisi in un mediocre rotocalco televisivo… [______________di Alnytak____]

E tutti hanno potuto assistere alle bugie dell’ avvocato in merito al tema dell’incompatibilita’ del Sindaco Luigi Messina. D’altronde l’avvocato e’ abituato ad usare bugie, sotterfugi, ed exploit al fine di fare breccia nelle debolezze degli avversari. Purtroppo per lui Noi non siamo avversari comuni.

L’ANTEFATTO.

Nel Febbraio del 2016 questo Blog e i suoi rappresentanti firmarono e protocollarono al Comune di Mascali , Bollo Comunale N°1829 , una esplicita richiesta di dimissioni al Sindaco Dott.Luigi Messina perche’ ritenuto “Incompatibile” alla Carica conseguita democraticamente alle elezioni in quanto in conflitto di interessi con la sua professione di Agente Immobiliare. Questa posizione e’ supportata da un articolo di legge, sempre esposto nella richiesta.

Quindi il Sindaco Messina fu eletto nel Giugno del 2015, e dichiarato da Noi incompatibile nel Febbraio del 2016, con prove alla mano, quasi sette mesi dopo la sua elezione. Noi non siamo principi del foro, ne’ avvocati, o giuristi, perche’ l’ avvocato aspetto’ sette mesi prima di salire in sella al “suo cavallo di battaglia” ? Forse perche’ quel cavallo era piuttosto di altri ?

Per essere anche piu’ incisivi spedimmo la documentazione alla Prefettura di Catania al fine di salvaguardare l’ Ente dal potenziale danno erariale che puo’ sempre aprirsi di fronte alle norme non sanzionatorie ma possibiliste di nullita’ e sanzione per atti, deliberazioni e quant’altro prodotto in seno alle firme e alle presenze del Sindaco in atti e/o decisioni della cosa pubblica inerenti le materie conflittuali menzionate dalla legge. La Prefettura RISPOSE A NOI E NON ALL’ AVVOCATO ERNESTO PINO.

Gradiremmo vedere se prima di queste date menzionate l’ Avvvocato Pino abbia protocollato qualcosa di simile o denunciato alle autorita’ competenti quanto da Noi descritto e segnalato.

Come puo’ prendersi il merito per una cosa che lui non ha fatto ?

Ma prima di cedere la lettura alle parole dei miei colleghi, devo sottoporre al vostro giudizio il vero problema  de facto , che qui non e’ esclusivamente l’ avvocato, ma piuttosto quel c.d. giornalista che lo ha intervistato , perche’ sono abbastanza sicuro che costui soffre di autismo. Io e i miei amici di scorribanda andiamo su e giu’ per Internet a trollare questo o quell’ antifa o mentecatto di turno. Mi considero abbastanza bravo a far infuriare la gente su Internet. So che quando faccio questo non ho intenzione di fare alcuna amicizia. Questo va bene, perché Io non voglio fare amicizia con alcune persone. Carmelo Puglisi invece voleva fare amicizia, e ora è sorpreso perche’ la gente sta vomitando vetriolo contro di lui, ma lui non lo percepisce. Questo perché ,come la maggior parte delle persone con autismo, lui manca di “teoria della mente”, cioe’ la comprensione del tipo di risposta che una delle tue azioni provocherà in altre persone. Ha davvero pensato che stava per essere applaudito per come conduce le sue interviste ? Anche la sua voce è così arrogante , balbuziente e stridula che dopo averla udita per cinque secondi la gente vorrebbe dargli piu’ di un pugno in faccia, ma non credo che lui si renda conto di questo: perché Carmelo Puglisi non ha mai scritto un  articolo d’inchiesta, un articolo di assalto, e probabilmente ha l’autismo o qualche disordine mentale inquadrabile nello spettro dell’ autismo.

Oltre l’ omerta’ della gente , del pubblico, c’e’ anche l’ omerta’ e l’ incapacita’ di queste mezze tacche giornalistiche locali, capaci solo di scrivere contro ed infangare qualche povero ragazzo che si fa le canne o ruba per mangiare, cioe’ in fondo qualche cliente dell’ avvocato Pino.

L’ avvocato non si sarebbe preso il merito se un vero e mentalmente sano giornalista lo avesse bacchettato seriamente.

Posso concludere affermando che la profonda scorrettezza e disonesta’ di questa spregevole azione puo’ benissimo ricadere su entrambi, l’ autistico e l’avvocaticchio politicante.


______________LA NOTA STONATA

[_________________di ReD_OrC__]

Vivessimo in uno Stato Nazionalista l’ avvocato sarebbe oggi un disoccupato o forse farebbe il portinaio. Ma non viviamo in una societa’ che rispetta le regole, in una societa’ onesta, ma infetta, colma di approfittatori, speculatori, e ipocriti.

Dopo che il caso dell’incompatibilita’ esplose in tutta la sua dirompente grazia, la deflagrazione raggiunse anche l’ Avvocato Pino, leader della lista Mascali Risorge e rappresentata da ben tre consiglieri nel Consiglio Comunale attuale. Allora come affrontare l’ evento ? L’ Avvocato scrisse un documento abbastanza decente che doveva essere letto da almeno uno dei suoi tre consiglieri. I tre consiglieri si rifiutarono di leggerlo, ed andarono ad ingraziarsi il Sindaco con questo loro rifiuto. L’ avvocato rimase vittima della stessa omerta’ che alimenta pure il suo conto bancario.

Questo ‘ il punto focale su cui la sua avventura politica si esplica e ruota come uno pneumatico forato.

Mascali, un paese commissariato per ben due volte per infiltrazioni mafiose nella cosa pubblica, non ha certo bisogno di un avvocato che difende i mafiosi nei tribunali come Sindaco.

In questo blog non abbiamo mai criticato la vita personale e/o lavorativa degli individui, al contrario di come fanno i tg e i giornali locali su gente che non si puo’ difendere, ma purtroppo dobbiamo scontrarci con questa nota stonata rappresentata dall’ avvocato. E’ una brava persona forse, sicuramente non e’ un farabutto, non e’ mai stato un politico e quindi non conosce le dinamiche e i dietro le quinte della politica di questo paese, o non dichiarerebbe quello che dichiara, ma soprattutto per quello che ci puo’ interessare NON E’ UNO CHE PUO’ FARE LA MORALE AGLI ALTRI.

Si, perche’ l’ avvocato nell’ intervista chiama in causa la moralita’ e l’ etica del Sindaco Dott.Luigi Messina, dicendo che quest’ultimo non puo’ fare questo, non puo’ fare quello.

LEI INVECE PUO’ MORALMENTE ED ETICAMENTE PRENDERSI I MERITI DEGLI ALTRI ?

Lei e’ una persona corretta e onesta piu’ del nostro attuale Sindaco nel fare questo ?

Mascali non ha bisogno di altri ipocriti e qualunquisti nella scranna di Sindaco, gia’ ne abbiamo abbastanza.

Di professione faccio il bug hunter , ed il betatester. Cerco i punti vulnerabili in un programma informatico (client), software, e miglioro al contempo le performance e l’utilizzazione del programma stesso.

L’ avvocato penalista fa piu’ o meno la stessa cosa: trova i punti vulnerabili nelle accuse ai suoi clienti, e sfruttando questi e altri punti vulnerabili delle leggi italiane, “libera” i suoi “client”.

Ma mentre il mio lavoro si svolge per difendere gli ignari utenti dalle maliziose intenzioni di potenziali malintenzionati , il lavoro dell’ avvocato penalista difende proprio questi ultimi.

La Legge Italiana deve consentire a chiunque di potersi difendere. La colpa non e’ dell’ avvocato.

Quindi, non date la colpa all’ avvocato Pino di difendere i mafiosi nei tribunali, quello e’ il suo lavoro.

Appunto.


_____________________MILO YIANNOPOULOS e ERNESTO PINO

[_______di Flint_McLeane______]

Ricorderete che in concomitanza con gli articoli sull’ incompatibilita’ e successivi postammo in questo Blog varie immagini di Milo Yiannopoulos a fronte di molti di essi.

Milo e’ un frocio che guidava in parte la corrente dell’ AltRight negli Stati Uniti, e lasciato al suo posto dall’ estrema destra solo per ragioni di opportunismo elettorale nell’ ottica dell’imminente elezione del #POTUS. Al tempo ci e’ parso catalizzasse bene l’immagine di un orrido paese come Mascali. Pieno di criticoni, degenerati, ignoranti, Milo con la sua frociaggine rappresentava questo paese molto meglio di Pepe la rana. La corruzione dei costumi, l’imbastardimento della razza, l’ invasione dei selvaggi , il chaos sociale che ne consegue, fanno della Sicilia la punta avanzata dell’ attualita’ mondiale su questi temi malgrado molti non se ne rendano conto. I cancelli dell’inferno sono aperti e ogni forma di degenerazione e devianza si alimenta dalle sue fiamme. Il massimo degenerativo per un bianco non e’ solo trarre profitto da politiche suicide di accoglienza e dai flussi di immigrazione ma anche ricevere consensi su questa missione di sterminio.

I principali attori di questa sciagurata operazione di sciacallaggio di fondi statali e dell’inbarbarimento delle nostre citta’, del nostro territorio sono noti. Come sono note benissimo la reciproca conoscenza e l’ alleanza politica tra questi farabutti che gestiscono questa invasione selvaggia e l’ avvocato Pino. Il supporto politico dato da Firrarello e Castiglione all’ avvocato Pino e’ cosa nota, certa, risaputa.

Che  moralita’ c’e’ nel mentire sulle condizioni economiche di questa nazione, affermando che non ci sono soldi, c’e’ crisi, e tutte altre stronzate simili, e poi impiegare sconfinati fondi economici non per risolvere questo problema dei veri bianchi italiani ma invece per risolvere il falso problema creato ad arte degli africani e dei musulmani ?

I soldi non ci stanno per gli italiani ma ci stanno per gli stranieri ?

Avvocato mi aiuti a capire, quelli , #NCD e alateri , sono SUOI AMICI , non nostri.

Lei che parla di moralita’ ed etica accusando gli altri politici di non possedere queste qualita’, non ha mai pensato di parlare un po’ per se stesso o per i suoi amici ?

Oggi Milo Yiannopoulos e’ un personaggio finito. Cacciato da Breitbart e dal mainstream nazionale dopo aver rilasciato una intervista televisiva dove ad una domanda sulla pedofilia si e’ lanciato a capofitto in una strenua difesa della pedofilia stessa. Cosa ci si poteva aspettare da un frocio, da un deviato sessuale, da chi supporta di giorno le crociate antimmigrazione e va a letto con gli omosessuali negri di notte ?

Alea iacta est: Il parallelo politico e’ fatto.


____________________PERSONA NON GRATA

[_______________di _________SK_Spartan]

Chiediamolo a Google: un avvocato che difende i mafiosi puo’ fare il Sindaco ?

Tra tutti i casi segnalati quello piu’ a tono e a modo e’ rappresentato da cio’ che accadde nel Comune di Brescello, sciolto per infiltrazioni mafiose:

FONTE ORIGINALE IL FATTO QUOTIDIANO:

[..]Brescello, Reggio Emilia, hanno amministrato per 30 anni i Coffrini. Ma ora lo scioglimento per infiltrazioni mafiose del loro comune chiama in causa le loro scelte amministrative:  il comunicato del Governo parla di “accertate forme di condizionamento della vita amministrativa da parte della criminalità organizzata”. “Marcello Coffrini, sindaco fino a pochi mesi fa. I due ex primi cittadini non risulta che siano mai stati indagati in inchieste penali, eppure, già da tempo, erano finiti al centro di polemiche politiche per i loro giudizi espressi pubblicamente su Francesco Grande Aracri di Cutro. Per intendersi, Nicolino, il più famoso dei fratelli Grande Aracri, è considerato punto di riferimento della ‘ndrina reggiana sgominata dall’inchiesta Aemilia della Dda di Bologna.

Era invece il 1985 quando Ermes, avvocato amministrativista di fama, diventa primo cittadino per il Partito comunista italiano: in pratica un erede ideale del Peppone di Guareschi che da queste parti si scontrava con Don Camillo. Cade il muro di Berlino, sparisce la falce e il martello, inizia la seconda repubblica, ma Ermes rimane al suo posto sino al 2004. Ma la dinastia non è conclusa: Marcello, figlio di Ermes, anche lui avvocato, diventa assessore all’urbanistica, posto chiave in qualunque giunta. E rimane lì per 5 anni durante i quali, secondo quanto trapela dalla relazione che ha portato allo scioglimento, alcune scelte urbanistiche avrebbero in qualche modo favorito uomini vicini proprio ai Grande Aracri.

Nel 2014 infine diventa sindaco lui stesso, 10 anni dopo suo padre: ma per Marcello sarà una esperienza breve. A settembre dello stesso anno arriva la vicenda dell’intervista su Francesco Grande Aracri, anche lui condannato per mafia e da tempo residente a Brescello, e i riflettori della stampa si accendono sul paese. E il destino politico di Marcello è segnato. […]

Anche qui non c’e’ una sanzione prevista dalla legge, così come nell’Incompatibilita’, ma c’e’ un’ etica e una moralita’ da seguire quando ci si mette in lista per diventare il leader amministrativo di una comunita’, o ci dovrebbe essere, usiamo le stesse parole dell’ avvocato nell’ intervista, no?

Quali sono le ragioni che spingono l’ avvocato penalista Ernesto Pino a cercare di diventare Sindaco ?

La volonta’ di cambiare le cose in meglio ? Non fatemi ridere.

La sua esperienza politica passata ?  La sua frenetica attivita’ a guardiano e a difesa della nostra comunita’, dei problemi di questa comunita’ in tutti questi anni , cioe’ dagli anni novanta ad oggi ?

Ma chi ha mai visto l’ Avvocato per le nostre strade, tra i giovani ? Chi lo ha visto  denunciare le malefatte che avvengono in questo paese, segnalare le inadempienze, le mediocrita’ a cui tutti i mascalesi sono sottoposti e sepolti ormai da decadi ?

Ma fare il politico e candidarsi a Sindaco e’ un suo diritto. Questa e’ la democrazia.

Avere una societa’ corrosa da atavici problemi, mancanza di etica nella cosa pubblica, e nessuna certezza del diritto e del domani rappresenta la nostra epoca, rappresenta e significa proprio il vivere quotidiano sotto la democrazia.

Tra meno di cento anni da ora questa parola, democrazia, assumera’ la massima connotazione di sdegno e disgusto, ma intanto i politici attuali la usano per riempirsi la bocca e la impastano amorevolmente nel palato con pregevoli e costosi vini di annata , che grazie ai mille mali della societa’ che loro stessi contribuiscono a tenere in vita, possono permettersi.

Scelto per concludere questo MULTICULTURALE pezzo sull’infamia di un merito “rubato” ( anche questo e’ penale, nd.E.), devo gettare le tre monete , trinummus, per terra invece che consegnarle al mio avversario.

Ora che l’ ufficio tecnico si sta muovendo dopo quanto qui segnalato sull’ Affaire Garozzo, dopo che abbiamo chiuso le putride bocche dei menzogneri e calunniatori del medesimo ufficio, dopo aver chiuso le bocche degli ipocriti politici che hanno fatto di questo affare una falsa propaganda e una questione di “vita”, ci chiediamo adesso chi si prendera’ il merito di questo ?

“Il Comune avra’ danni economici, erariali, il Comune blocca lo sviluppo delle imprese, siamo stufi che Mascali sia considerata una No Build Zone” , anche noi ci avevamo creduto. Essere ingannati e’ un diritto costituzionale. Purtuttavia le bugie si sa hanno le gambe corte, e scrollarsi di dosso l’ etichetta di uomini di parte e’ sempre stato il nostro forte.

Cosa fara’ adesso che tutto e’ cambiato ? Cosa fara’ adesso che NOI ABBIAMO SCOPERTO che il Sindaco Messina di concerto con l’ Ufficio Tecnico hanno operato scelte esclusivamente volte a proteggere il Comune ed i suoi abitanti ?

Vuole chiamare i giornalisti e prendersi anche questo merito ? Coraggio, lo faccia.

Ma no, non lo fara’. Come non lo faranno molti altri, come ad esempio un altro individuo che lavora presso un ufficio tecnico di un altro Comune, un consigliere comunale di Mascali che ha votato favorevole alla trasformazione in Zona D del complesso artigianale in oggetto, cioe’ Carmelo Caltabiano. Ed altri alateri. Questo perche’ tutte queste persone , lei compreso, hanno avuto sette lunghi anni per informarsi, documentarsi, chiarire tutta la vicenda, ma non lo hanno fatto. E non possono certo farlo ora, dopo che c’e’ stata una votazione, ci sono state dichiarazioni inequivocabili in Consiglio, interviste, ed alla fine e’ pure intervenuta la Magistratura.

Mascali7 ha superato fior di professionisti, ingegneri, avvocati, magistrati e perfino l’ Ufficio Tecnico stesso.

Pero’ rimaniamo in attesa che tg e giornali locali, caro avvocato, la aiutino ad attribuirsi il merito anche di questo, non si sa mai, magari attribuendosi falsamente anche questo merito puo’ alla fine aiutarla a diventare Sindaco di questo Comune, anche se per molti abitanti perbene e sani con la testa di questo paese lei ed i suoi “amici politici” rimarranno sempre , politicamente parlando, “persona non gratae”.

Annunci