IL “NUOVO” RIVALE DELLO SMARTPHONE

Gli smartphone hanno un inaspettato nuovo rivale.

[di______Adam Minter – Bloomberg]

La scorsa settimana, un funzionario del governo indiano ha annunciato che l’ iPhone rotolera’ via dalla catena di montaggio a Bangalore per la fine di Aprile, destinato ai clienti locali. E ‘un grande momento per Apple Inc., che conta sulla classe media emergente dell’India per compensare il rallentamento delle vendite in altri mercati. Ma ancora non scommettete sull’ iPhone in una ipotetica conquista dell’India, o di qualsiasi altro mercato emergente.

Questo perché gli smartphone di ogni genere si trovano ad affrontare una concorrenza agguerrita da un nuovo improbabile sfidante: il classico telefonino. Con i telefoni semplici e piccoli schermi destinati principalmente per le chiamate e i messaggi di testo – simili al Nokia o Motorola di meno di un decennio fa (in verita’ ancor aoggi Io uso questi , kek) , questa nuova generazione di telefoni cellulari è improvvisamente rilanciata creando una minaccia per Apple e i suoi rivali.

Per essere una tecnologia lasciata per morta non molto tempo fa, i cellulari hanno ultimamente fatto alcuni guadagni impressionanti. Dopo anni in calo pressoché continuo, le spedizioni globali adesso sono cresciute per due trimestri consecutivi. La crescita nei mercati emergenti è stata particolarmente impressionante: In Africa, le spedizioni di cellulari sono salite del 32% l’ anno , rispetto a un calo del 5,2% per gli smartphone. Si aspetta che questo trend continui, per alcuni motivi.

Un vantaggio evidente è il prezzo. Alla fine del 2016, il prezzo medio globale di uno smartphone è stato di $ 256, rispetto ai 19,30 $ per un telefono caratteristico. Nei mercati emergenti, dove gli abitanti delle città, anche istruiti in genere guadagnano meno di $ 10.000 all’anno (in India, hanno una media di $ 5385), il mercato non lascia molto in termini di scelta ai consumatori. Ma anche se un acquirente ha $ 256 da risparmiare, il mercato di seconda mano in forte espansione offre opzioni di gran lunga migliori rispetto a uno smartphone. In Ghana, dove ho recentemente trascorso un paio di settimane, con $ 256 e’ possibile acquistare un computer usato Pentium III desktop, un monitor a schermo piatto, una parabola satellitare ed un decodificatore pirata trasmissioni televisive via satellite.

Un altro fattore è la durata della batteria. In molti mercati emergenti, dove il servizio di energia elettrica può essere intermittente, lo smartphone deve essere ricaricato ogni giorno e non può competere con i telefonini cui una singola carica puo’ invece durare giorni. 

I produttori di telefonini stanno arrivando anche con hardware e servizi innovativi. Di proprietà cinese l’ iTel ha introdotto un sistema di speech-to-text che potrebbe fare appello a centinaia di milioni di acquirenti analfabeti o ipovedenti a basso reddito. In India , la Zync ha appena introdotto nuovi telefoni con più slot per schede SIM, così i clienti possono usufruire di tassi più bassi quando si chiamano contatti sullo stesso gestore o utilizzare una sim per altri gestori o linee separate per questioni personali e di business. La Reliance Infocomm Jio si dice che abbia un telefono caratteristico che consente chiamate gratuite su reti LTE, proprio come fa Skype, per meno di $ 20.

L’innovazione più importante, però, è stata lo sviluppo di sistemi di pagamento mobile che richiedono semoplici messaggi di testo. Un utente acquista semplicemente credito presso una banca o un centro di assistenza, quindi trasferisce il denaro tramite testo ad amici o commercianti. Per i circa 2 miliardi di persone in tutto il mondo che non hanno accesso ai servizi finanziari di base, questo può essere un servizio che cambia la vita, o lo scambio monetario.

Per i produttori di smartphone, tutti questi “incantesimi tecnologici” sono guai. Alcuni analisti in India prevedono un crollo delle vendite di smartphone e dei loro aggiornamenti gia’ da quest’anno. E ‘probabile che il prossimo importante passo in avanti nella tecnologia mobile, non sarà dettato da progettisti nella Silicon Valley o a Seoul – ma piuttosto dalle esigenze dei consumatori dei mercati emergenti. In questo senso, almeno, la vecchia scuola dei cellulari sta cominciando a somigliare al prossimo futuro.


FONTE ORIGINALE BLOOMBERG.

Advertisements