I SIGNORI DELLA MENZOGNA

3 Maggio 2017. Un giorno epocale da non dimenticare. Riassunto anche in immagini.

[__________________di_ReD_OrC_______]

Il Procuratore Zuccaro riferiva in Senato sullo stato della sua Pre-Indagine.

Ha detto cose giuste, di un certo equilibrio tra potere giudiziario e potere esecutivo politico, ma sul ruolo delle ONG ha glissato, non ha parlato piu’ dei droni, di chi finanzia le ONG, e si e’ riferito solo ad alcuni individui operanti all’ interno delle ONG come non proprio animati da spirito umanitario.

Quindi, viene meno il nesso che ha fatto tra trafficanti e ONG, e questo nesso viene meno perche’ non esiste un nesso tra queste due entita’ di carattere economico. Gli scafisti e i trafficanti di uomini hanno gia’ guadagnato tutto quello che c’e’ da guadagnare quando mettono in mare gli africani, non gliene importa nulla se questi arrivano o meno, ma avere a disposizione piu’ barche e scafisti sicuramente incrementa il loro traffico, una volta che gli africani sono imbarcati sui vascelli della flotta ONG gli scafisti tornano indietro e ne prendono altri.

Le ONG non prendono dal canto loro soldi dagli scafisti perche’ , come detto, agli scafisti non gliene potrebbe fregare di meno, ma prendono soldi da fondazioni e associazioni riconducibili a magnati ebrei, come De Benedetti , e George Soros che oggi , mentre il Procuratore Zuccaro parlava al Senato, stringeva la mano al nostro premier paolo gentiloni. Un incontro coperto dalla stampa di sinistra , radical chic, cultural marxista, cornuta liberale, posseduta sempre , e (((coincidenza))) da De Benedetti, un incontro – meeting tanto coperto da essere definito “Segreto”.

Riassumendo:

chi ha letto quello che abbiamo scritto in precedenza non puo’ non ammettere che abbiamo sempre detto la verita’ e avuto ragione su tutta la linea. Spero ora abbiate finalmente un po’ di paura, specialmente se avete figli.

SAVE THE CHILDREN , chi non ha mai sentito questo nome , ha come consigliere direttivo Marco de Benedetti , figlio di Carlo De Benedetti, che e’ anche un Presidente della sezione europea della Carlyle Group, un contractor dell’ U.S. Army in Iraq, presieduto nel suo consiglio di amministrazione da una maggioranza di individui ebrei, coinvolto in uno scandalo dopo l’ 11 Settembre 2001 per la presenza ,alla riunione annuale degli investitori del gruppo, del fratello di Bin Laden, proprio mentre venivano giu’ le Torri.

In The World According to Bush, William Karel interviewed Frank Carlucci to discuss the presence of Shafiq bin Laden, Osama bin Laden‘s estranged brother, at Carlyle’s annual investor conference while the September 11 attacks were occurring.

***

Annunci