ADUNANZA: SINDACO SANZIONATO DALL’ A.N.A.C.

Delibera n. 828 del 27 luglio 2017
Oggetto: Procedimento sanzionatorio Fasc. n. UVMAC/S/2017 /2017 nei confronti del Comune di Mascali per omessa adozione del PTPC relativo al triennio 2017- 2019.
Il Consiglio dell’Autorità Nazionale Anticorruzione nell’Adunanza del 27 luglio 2017;

[_____________di________SK_Spartan__]

Rilevato che dalla documentazione acquisita è emerso che:

I – Risultanze dell’attività istruttoria e valutazioni

– Il Comune di Mascali ha violato l’obbligo di adozione, entro il 31 gennaio 2017, dell’aggiornamento del PTPCT , Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza (PTPCT) , per il triennio 2017-2019 (art. 1, comma 8 della legge 6 novembre 2012 n.190, Comunicato del Presidente del 13.7.2015, delibera n. 50 del 2013, determinazione n. 12 del 2015; delibera n. 831 del 3 agosto 2016); a seguito dell’avvio del procedimento sanzionatorio disposto da questa Autorità in data 27.4.2017, l’Amministrazione comunale non ha fornito giustificazioni ritenute valide rispetto alla mancata adozione, nei termini, del documento indicato avendo tenuto un comportamento negligente nei riguardi di un preciso obbligo di legge; a giustificazione del ritardo nell’adozione del Piano, il RPCT , Responsabile Prevenzione Corruzione e Trasparenza , ha rappresentato che lo stesso è stato causato dalla “precisa volontà di elaborare tale strumento come risultato di un percorso condiviso tra organo di indirizzo politico .. e struttura amministrativa” così come da indirizzi espressi dall’ANAC nella delibera n. 831/2016. Il ritardo sarebbe imputabile alla necessità di “adottare realmente le disposizioni di carattere generale al concreto contesto organizzativo del Comune di Mascali”;
-Rilevato che il PTPCT 2017 è stato infine approvato, pur se con notevole ritardo rispetto al termine di legge, con delibera di G.M. n. 59 del 18.5.2017;
-L’Autorità ha ritenuto che la tardiva adozione del PTPCT sia stata causata da un atteggiamento di negligenza e noncuranza dell’Amministrazione Comunale di Mascali poiché la stessa Amministrazione era già stata allertata dalla nota della Prefettura di Catania del 1.3.2017 (prefettizia n. 21281/36.02) come si evince dalla nota del 5.4.2017, acquisita al prot. ANAC n.51877 del 10.4.2017 rivolta ai Comuni interessati (e per conoscenza all’ANAC). Dunque,nonostante fosse trascorsa inutilmente la scadenza del 31.1.2017; fosse pervenuto il richiamo della Prefettura del 1.3.2017; l’ulteriore lettera prefettizia del 5.4.2017; l’avvio del procedimento sanzionatorio del 27.4.2017, si è dovuto attendere la data del 18.5.2017 per adottare il PTPCT del Comune di Mascali;
-Ritenendo che la tardiva adozione del PTPCT per il triennio 2017-2019 sia connotata da caratteri di gravità e rilevanza, trattandosi di una misura obbligatoria di prevenzione della corruzione la cui implementazione ha avuto seguito successivamente alla comunicazione dell’avvio del procedimento sanzionatorio del 27.4.2017;
-Ritenuto che la sanzione resta a carico dei soggetti tenuti al dovere d’azione violato (Sindaco, Assessori e RPCT), sulla base delle argomentazioni che precedono, si è ritenuto di irrogare la sanzione pecuniaria pari ad euro 1.000 (mille).

Tutto ciò premesso e considerato:
DELIBERA di irrogare la sanzione pecuniaria in misura pari ad euro 1.000 (mille) per ciascuno dei soggetti, ai signori:
– [omissis] aka Luigi Messina, nella qualità di Sindaco del Comune di Mascali;
– [omissis] aka Raffaele Milazzo, nella qualità di Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza;
– [omissis]aka Alfio Maccarrone, nella qualità di Vice Sindaco in carica;
– [omissis]aka Paolo Virzì, nella qualità di Assessore in carica;
– [omissis]aka Virginia Silvestro, nella qualità di Assessore in carica;

Il pagamento della sanzione pecuniaria dovrà essere effettuato entro 30 giorni dalla data della comunicazione del presente provvedimento mediante versamento in favore dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, da eseguire sul conto corrente di tesoreria acceso presso il Monte Paschi di Siena (agenzia di via del Corso 232, 00186 ROMA), codice IBAN: IT77O0103003200000004806788

Queste e tante altre cose FIRMATO RAFFAELE CANTONE.

***

DOWNLOAD-4358-COPIA DELIBERA ADUNANZA A.N.A.C.

***

L’ ANALISI

[_______di__Alnytak__]

E’ solo di qualche ora il post “La Maschera di Ferro“, e ripartendo dal suo finale possiamo intravedere nuvole, stormi carichi di pioggia che si abbattera’ contro questa farsa grottesca montata dentro la Cosa Pubblica Comunale di questo paese, che, vogliamo ricordare, non e’ un piccolo paese, ma IL PIU’ GRANDE IN ESTENSIONE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI CATANIA, forse il piu’ ricco Comune della Provincia di Catania, dati alla mano o meno, dove si danno vita a sciarade spacciate per opere pubbliche al solo scopo di attrarre capitali per investimenti turistico-alberghieri e/o residenziali, dove ancora prosperano interessi di lobby, interessi criminali, mafiosi, basati su logiche di spartizione territoriale o Monopoli Reality, interessi per un nuovo sacco, tutto con l’ assoluto consenso di una larga popolazione subdola e influenzabile a colpi di venti euro e sogni di plastica fusa come la loro dignita’ ed intelligenza.

Quello che vi ha fatto l’ A.N.A.C. presieduto da Cantone e’ ancora troppo poco, stiamo aspettando la grandine e il grimaldello.

Ah Sindaco, dimenticavo...

FAGLI FARE QUALCHE COMUNICATO STAMPA SU FACEBOOK AL TUO UFFICIO STAMPA ,

CONTINUA e CONTINUATE A TIRARE A CAMPARE a colpi di delibere e determine farlocche e smussate,

e rimanere così come siete stati fin dall’ inizio: IN DEFAULT CEREBRALE,

Anche se questi soldi che tornerai e tornerete allo Stato ERANO GIA’ DELLO STATO,

RICORDATE CHE QUESTO… E’ PUR SEMPRE UN INIZIO…

Annunci