L’ORECCHIO DI DIONISO

L’ Orecchio di Dionisio, una caverna a forma di goccia, famosa per la particolare acustica che amplifica anche il piu’ piccolo suono, permettendo di essere udito attraverso un’apertura nella parte sommitale, a 21 metri dal suolo.

[________________di_________SK_Spartan__]

Conrad Malt-Brun nel 1829 disse: “Lo strappo di un pezzo di carta fa un rumore non dissimile da quello provocato battendo un bastone pesante contro una pietra.”

La grotta è caratterizzata da uno stretto tunnel in cima che si va espandendo progressivamente verso il sottosuolo, pare sia un’antica cava di calcare. Molti ipotizzano che era la sua forma unica sia naturale, piuttosto che formata da processi artificiali come la mano dell’ uomo.

I suoni uditi in questa caverna venivano considerati sacri.

La grotta ha avuto il suo nome , secondo il pittore italiano Caravaggio, dal tiranno greco Dionisio I che governo’ Siracusa dal 432 al 367 D.C. Secondo la leggenda, Dionisio usava la grotta come una prigione, spiando i suoi prigionieri dalla piccola apertura nella parte superiore della grotta dove anche i sussurri nei meandri piu’ sotteranei dalla caverna potevano essere uditi.

Le indagini recenti, tuttavia, hanno sfatato il mito; anche se gli effetti di amplificazione dovuti alla forma della caverna sono davvero impressionanti, non rappresentano una nitida risonanza dato che questa ingarbuglia anche la pronuncia del migliore dei discorsi.

Un altro racconto più raccapricciante narra che l’imperatore fosse un sadico, poiche’ piuttosto che ascoltare i segreti dei suoi prigionieri, godeva e traeva somma soddisfazione nel sentire le loro urla amplificate man mano che venivano torturati.

Un tempo i visitatori potevano salire sulla cima della grotta tramite una corda e una carrucola, al fine di apprezzare appieno il riverbero acustico, ma a causa di problemi di sicurezza cio’ non e’ piu’ possibile.

Annunci