I MAGISTRATI NON SONO DI SINISTRA

Accogliamo con gioia e gravita’ di celebrazione la richiesta di condanna dell’ ex pomposo porco rettore dell’Universita’ di Catania tal Antonino Recca. Pronti all’escursione “dinamica” sul significato che vale questa richiesta di condanna…

[________di_ReD_OrC___]

Si, riassumendo in breve: parte del mondo accademico e scolastico, un’alta percentuale di esso, e’ infetta dal morbo parassitario ed ipocrita del Cultural Marxismo: marxisti, sionistroidi, sinistrati, leftards come li chiamano i miei colleghi americani.

Molti giovani sono cresciuti in Italia con il refrain bugiardo e psicologico dettato dalla corrente di mercato o di partito azienda del corruttore, pervertito e presunto pedofilo , Silvio Berlusconi, e cioe’ che i magistrati sono tutti di sinistra, sono comunisti e mangiano i bambini.

Personalmente ho trovato sempre alquanto squallida questa teoria o propaganda atta solo a salvare il porco dai processi.

Sicuramente anche tra i magistrati ci sono, al di fuori di ogni ragionevole dubbio, delle mele marce così come in tutte le professioni ma quando vediamo una richiesta di condanna per un accademico CHE DI SICURO RAPPRESENTA LA SINISTRA MARXISTA ROCOCO’ (come i mobili, n.d.R.), così come quell’inutile nullita’ di Fabrizio Micari, a ben 6 anni di carcere, beh , non possiamo che gioire.

Anche gli accademici , e specialmente quelli di Sinistra, violano la legge in maniera pesante ed indecorosa per individui che si fregiano di uno status sociale che li pone a guardia del sapere umano ed universale.

Cosa ha fatto Recca ?

FONTE:LIVESICILIA

CATANIA - Sei anni per l'ex rettore Antonino Recca. E' questa una delle richieste di pena avanzate dal Pm Raffaella Vinciguerra in occasione dell'ultima udienza del processo ribattezzato dai media "Mailgate". Il procedimento vede imputati l'ex rettore e i dipendenti dell'università di Catania, Enrico Commis e Antonio Di Maria, con l'accusa di rivelazione e utilizzazione di notizie segrete per via delle mail elettorali inviate agli studenti in occasione delle scorse elezioni regionali. Il Pm ha inoltre chiesto la condanna a tre anni per Commis e due anni per Di Maria. L’avvocato di parte civile che difende l’Università di Catania, Giovanni Grasso, ha invece chiesto una misura risarcitoria di 100.000 euro all’ex rettore Antonino Recca (presente in aula) e al Di Maria.
[...]
Il Pubblico Ministero, a più riprese, ha anche condannato il comportamento “da circolo politico” tenuto dal rettore in favore della candidata, sottolineando il grave danno di immagine istituzionale di tale condotta oltre che la perdita di fiducia da parte delle giovani generazioni. Da qui, parte la richiesta di una condanna a sei anni per il rettore accusato anche di “induzione a rendere dichiarazioni mendaci”, tre anni per Enrico Commis, due anni per Antonio Di Maria.

Utilizzare i propri studenti, i propri assistiti, i contatti del proprio lavoro per fini politico-elettorali e’ qualcosa di totalmente squallido e degradante, gia’ ne avevamo parlato in BOMBA ALL’ IDROGENIO, ma e’ anche UNA GRAVISSIMA VIOLAZIONE DI LEGGE perpetrata in barba ALLA VERA PRIVACY di tutti gli individui che si affidano ad una Istituzione pubblica o privata per materie concernenti ben altro che la “carriera” politica.

La Privacy , su cui abbiamo tenuto in precedenza una piccola lezione, VIENE VIOLATA DA QUESTI INDIVIDUI CHE INVECE LA DOVREBBERO PROTEGGERE IN VIRTU’ DEL GIURAMENTO CHE HANNO FATTO , tutelare i diritti dei propri assistiti corrisponde o deve corrispondere ad un’assoluta priorita’.

Come vi fidereste di gente che usa i vostri dati per fini politico-elettorali? Il medico e’ a conoscenza di dati sensibili riguardanti la vostra persona, se qualcuno di voi fosse infetto da una grave malattia chi vi dice che , avendo un comportamento come quello descritto qui o in Bomba all’ Idrogenio, un comportamento meschino come quello di Recca, chi vi dice che NON VADA A RIVELARE AL MONDO INTERO DELLA TERRIBILE AFFLIZIONE CHE VI STA SCONVOLGENDO LA VITA?

Ma siete diventati tutti cretini ?

Ci sono dei medici a Mascali che “usano” , nel vero e denso senso del termine i loro assistiti per magagne elettorali o altri fini “aziendali”…

Coloro i quali non provano e sentono alcun ribrezzo verso questo incivile e barbaro comportamento SONO PARTE INTEGRANTE DEL PROBLEMA.

UPDATE:

Dopo numerose eMail di protesta aggiungiamo a questi medici sopra pure Sammartino, Il Candidato della Manciuria... talmente lo “non consideriamo” che ce ne eravamo dimenticati. Perdono.

Annunci