QUELLO CHE NON VI DICONO DI NELLO MUSUMECI

Adesso pensate di essere un politico potente, quasi un despota, come per esempio quando due poliziotti  bussano alla tua porta all’una di notte pregandoti di abbassare il volume dello stereo poiche’ troppo alto e causa di disturbo della quiete per tutto il vicinato e tu sia Ignazio la Russa , quindi in grado di inveire contro due servitori dello Stato e cacciarli via maleducatamente, o per esempio vi arrivino delle cartelle esattoriali e tu Nello Musumeci PRETENDA LA CHIUSURA NON DELLE CARTELLE MA DELL’INTERA AGENZIA CHE LE HA PRODOTTE…

[__________di_ReD_OrC___]

FONTE.REPUBBLICA.IT

Le carte false di Riscossione Sicilia per favorire i tre deputati Musumeci, D'Asero e Nicotra.
Secondo la Procura di Catania avrebbero chiuso illecitamente delle procedure.
Danno erariale di 390 mila euro.
Fiumefreddo: "Ora i licenziamenti, dedico questa operazione a chi come il presidente dell'Ars mi ha denunciato per minaccia a corpo politico".
Il presidente dell'Antimafia: "Tutto falso, sono sorpreso"
"Dedico questa operazione a chi, come il presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone, mi ha denunciato per minaccia a corpo politico quando ho sollevato il tema e i deputati che non pagavano quanto dovuto a Riscossione.
Dopo le mie denunce scopriamo che a Catania nove dipendenti hanno favorito tre deputati e sono indagati dalla procura. E questa è soltanto la punta dell'iceberg". Il presidente di Riscossione Sicilia, Antonio Fiumefreddo, è a dir poco soddisfatto. La procura di Catania ha concluso le indagini e contestato a nove dipendenti l'abuso d'ufficio in concorso e continuato e ipotizza un danno erariale di quasi di 390 mila euro. I deputati che avrebbero ricevuto agevolazioni nel pagare il dovuto a Riscossione sono Nello Musumeci, leader di Diventerà Bellissia e presidente della commissione regionale antimafia, il deputato di Ncd Nino D'Asero e il deputato del Partito democratico Raffaele Nicotra, appena entrato nei dem in quota renziana. I tre non sono indagati: "Dopo le polizze assicurative a propria insaputa adesso abbiamo le cartelle sistemate a loro insaputa".
Nell'inchiesta, coordinata dal pm Fabio Regolo, sono coinvolti agenti, funzionari e dirigenti di Riscossione Sicilia, in servizio nella sede provinciale di Catania della società. L'indagine è partita da esposti presentati dall'attuale amministratore unico di Riscossione. Gli indagati per abuso d'ufficio sono: i dirigenti Gaetano Romano, di 58 anni, e Antonella Anello, di 56; l'operatore Giovanni Musmeci, di 60; e gli agenti Maria Letizia Idonea, di 55, Ermanno Sorce, di 56, Maria Letizia Sapuppo, di 44, Salvatore Torrisi, 52, Maria Grazia Furnari, di 47, e Giuseppa Giarratana, di 48. La denuncia di Fiumefreddo ha anche altri capitoli: "Non solo la categoria dei politici, ma anche quella dei professionisti, dei medici, degli avvocati, degli ingegneri, degli architetti e poi quella quella dei mafiosi".
Secondo l'accusa, Musumeci e D'Asero avrebbero ottenuto la chiusura di procedure esecutive di pignoramento presso terzi nonostante avessero ancora dei debiti con Riscossione.

FONTE.SUDPRESS.

[PARLA NELLO MUSUMECI...]...l’8 gennaio del 2015 presento all’Ars una mozione con la quale chiedo lo scioglimento di Riscossione Sicilia. Tra i firmatari di questa mozione c’è anche l’onorevole D’Asero e naturalmente è un caso!

FONTE.TRIBUPRESS.IT

Debiti col fisco a partire dal 2009: attacchinaggio abusivo, irap e irpef, multe.
Secondo la magistratura però, il problema sarebbe proprio che quei ratei non avrebbe dovuto ottenerli: i tempi per la richiesta di frazionamento del debito erano scaduti, tanto che Riscossione aveva già provveduto al pignoramento. Ecco in cosa consisterebbe il “favore” ricevuto dai dipendenti indagati: lo stop al pignoramento e il via libera al rateo che un cittadino comune non avrebbe mai ottenuto.
Il fatto che la notizia emerga con tale clamore mediatico proprio a ridosso delle prossime primarie del Centrodestra, lo spinge a parlare di un disegno politico per screditarlo. “È la mafia dell’antimafia, quella fatta di pacche sulle spalle, ammiccamenti e mezze parole” dichiara Musumeci.
La definisce “mafia politica”. Quella del “cerchio magico” del presidente della Regione Rosario Crocetta: “Quattro cinque elementi, protetti. Un sistema che vede al suo interno lo stesso presidente Crocetta che non ne è però regista”.
Crocetta sarebbe un pezzo di questo sistema politico che “esercita l’essere mafia senza essere cosca”. Accusa “i cortigiani di turno” di essere all’opera per metterlo in cattiva luce.


VERGOGNATI NELLO MUSUMECI, NON POTEVI OTTENERE QUELLE RATEIZZAZIONI POICHE’ FUORI DAI TERMINI E TEMPI PREVISTI DALLA LEGGE, E SI VERGOGNINO PURE QUELLI CHE TI VOTERANNO, GENTE DELLA TUA RISMA:

QUINDI, RIASSUMENDO:

Musumeci paga forfettariamente delle “odiose” e “salate” cartelle essattoriali, prima che scoppi lo scandalo, decide di proporre e tentare la chiusura dell’agenzia di riscossione che le produce, ma la cosa non solo non va in porto ma svela un qualche altarino.
Non sara’ mai dimostrato che non le voleva pagare cercando di mandare in malora la Societa’ che ne deteneva il “conteggio salato”, ma certo la sua firma, e quella di Dasero, sono unte di polvere grassa appiccicosa, e poi le rateizzazioni NON GLI SPETTAVANO DA QUELLO CHE LA PROCURA HA FATTO CAPIRE.
E poi torniamo indietro un attimo:

Per ricevere migliaia di Euro di multa per affissioni selvagge quanti migliaia di manifesti ha appeso in maniera ILLEGALE in tutta l’Isola ?

E l’Irpef ?
A volte si omette o “dimentica” di dichiarare certi introiti chissa’ per distrazione…o perche’ chi e’ distratto speri che il controllore dall’altra parte sia nello stesso stato di “distrazione”.

Il peso della Legge che precipita sul capo di chi dice solo a parole di accettarlo,
e L’Etica dell’IMMINENTE GOVERNATORE DELLA SICILIA….

Annunci

2 pensieri riguardo “QUELLO CHE NON VI DICONO DI NELLO MUSUMECI

  1. Ma prima di scrivere falsità, perché non vi documentate? Tutto assolutamente superato da un’archiviazione delle indagini che certifica che è tutto falso e che nessun favore è stato reso a Nello Musumeci. Vi dovreste vergognare! Questa non è informazione ma fake news al limite della calunnia

    Mi piace

  2. Non provi vergogna a difendere un indifendibile come Nello Musumeci ?

    Non provi vergogna a difendere gli impresentabili beceri che stanno al suo fianco ?

    Da qualsiasi rango tu provenga… sei una persona ignobile.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.