TAGLIA SU CHI SPORCA

Visto che Mascali è la città del Far West agiremo di conseguenza.

[_Alnytak_________]

Sono 20 Euro ogni segnalazione, con luogo riconoscibile e targa visibile dello sporcaccione, possibilmente anche volto, cumulabili in un minimo di 5 segnalazioni per un pagamento di cento Euro, o addirittura scalabili dalla tassa dei rifiuti dell’utente-cittadino “cacciatore” virtuoso.

Un primo periodo sperimentale potrebbe già partire quest’Estate.

Questo è un primo abbozzo di Regolamento che stiamo discutendo con alcuni Amministratori del Comune di Mascali.

Gli Amministratori non pensavano che le “taglie” fossero lecite, invece lo sono, e sono già applicate in molti, moltissimi Comuni.

Se qualcuno minimizzerà o impedirà questa cosa , non potremo nè più salvare questo paese, nè chi poteva ed è stato fermo per pusillanimità.

ILCENTRO.IT
AVEZZANO. Una taglia su chi sporca la città. E a sborsarla sarà chi verrà sorpreso e sanzionato, che oltre alla multa dovrà pagare anche la ricompensa al cittadino che lo ha segnalato al Comune. Ovvero a quel cacciatore di taglie, armato di telefonino, che con la propria “soffiata”, verificata dalla polizia locale, permetterà di risalire con certezza a colui che insudicia strade o angoli verdi. Una trovata battezzata “Il SalvAmbiente”, nata a Gattinara, centro in provincia di Vercelli, che il Comune di Avezzano è intenzionato a recepire.
Le immagini del degrado pubblicate dal Centro – dai panni stesi in piazza Torlonia al lancio delle buste d’immondizia dalle auto in corsa – e le immancabili polemiche sul degrado cittadino hanno spinto Massimo Verrecchia, consigliere comunale di maggioranza e capogruppo di Avezzano Popolare, a contattare ieri mattina il Comune piemontese.
Verrecchia ha ricevuto la delibera sul provvedimento in vigore dallo scorso gennaio nel Vercellese.
«Valuteremo la compatibilità degli atti adottati a Gattinara», spiega il consigliere Verrecchia. «Ho già contattato il Comune piemontese», prosegue, «per ricevere la delibera ed il regolamento che prevede questa iniziativa per analizzare soprattutto alcuni aspetti giuridici in merito e verificarne la fattibilità. Questa iniziativa prevede che a pagare la cosiddetta taglia a chi sporca sarà proprio la persona che verrà sorpresa e sanzionata, che oltre alla multa dovrà pagare anche la ricompensa al cittadino che lo ha segnalato ai vigili urbani».
Questo progetto introduce quindi una ricompensa a favore del cittadino che segnala al Comune i nominativi di coloro che sporcano la città e il suo territorio.
Ma funziona? «Sì», a detta del sindaco di Gattinara, Daniele Baglione, «le segnalazioni sono arrivate fin dal primo giorno. Ma funziona soprattutto come deterrente, perché da quando il provvedimento è in vigore la nostra città è più pulita».
Il cittadino che con la propria segnalazione, certificata e verificata, permetterà di risalire a colui che sporca, sarà ricompensato con un premio in denaro consistente in 200 euro, come previsto dalla delibera (su una multa di 400 euro). La ricompensa quindi non sarà pagata dalla comunità ma direttamente da chi sporca. Pertanto solo se la segnalazione permetterà di individuare e sanzionare chi ha violato le norme, scatterà “il diritto del cittadino”, la cui identità rimarrà anonima, a essere ricompensato con una parte della sanzione che dovrà pagare il trasgressore.
«È una proposta che, se fattibile sotto l’aspetto giuridico, sottoporrò a tutti i colleghi consiglieri», riprende Verrecchia, «questo, se possibile, si unirà a un completo funzionamento di video sorveglianza e a un suo incremento. Concordo con il collega consigliere Francesco Eligi del Movimento 5 Stelle che ha affermato che non può prevalere il disinteresse e il pressappochismo. Così come condivido quanto affermato al Centro dall’assessore Crescenzo Presutti sulla tolleranza zero. Oltre alle azioni di repressione saranno anche valutate idee per stimolare l’orgoglio di appartenenza, alcune già adottate da molti comuni d’Italia, come quella di un concorso per l’abbellimento con decorazioni floreali a tema libero di vicoli, spazi urbani, particolari abitativi esterni e attività commerciali-imprenditoriali al fine di incentivare e valorizzare gli aspetti estetici e ambientali della città. Il premio potrebbe essere, in questo caso, una riduzione sulla Tari».

ALTRI ESEMPI:

http://www.lastampa.it/2017/09/27/edizioni/vercelli/la-taglia-su-chi-sporca-fa-scuola-e-labruzzo-la-copia-da-gattinara-FM2tFpKM6yBM1I0LSPW7iK/pagina.html

http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/rifiuti_e_riciclo/2017/01/27/salvambiente-gattinara-mette-taglia-su-chi-sporca-citta_f71974a6-ee40-4d75-bee9-0d60eb1cc5a1.html

http://www.lastampa.it/2017/09/27/edizioni/vercelli/la-taglia-su-chi-sporca-fa-scuola-e-labruzzo-la-copia-da-gattinara-FM2tFpKM6yBM1I0LSPW7iK/pagina.html

http://www.monzatoday.it/cronaca/sanzioni-limbiate-abbandono-rifiuti.html

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: