Da Vicenza a Verona passando per Lagos

Non solo le stazioni sono ormai impraticabili, ma anche i bus di linea. Terrore e Panico su un autobus a causa di un africano nero nigeriano sedicente umano.
[___________Alnytak__]

VICENZA.TODAY.

Scene da film con tanto di inseguimento per le vie della città da parte della polizia. Protagonista dell'episodio di follia avvenuto questa mattina alle 7:30 Osi Lucky, un nigeriano 22enne residente a San Martino Buon Albergo (VR) in Italia con un permesso di soggiorno per lavoro.
Tutto è iniziato quando il giovane, in viaggio da Roma a Verona in autobus, ha cominciato a dare segni di squilibrio già dalla partenza. Durante il tragitto ha infatti molestato una coppia di anziani e litigato con un connazionale che tentava di calmarlo. Questo, assieme ad altri comportamenti molesti, ha indotto l'autista della corriera a intimarli di smetterla. Il 22enne sembrava essersi calmato ma alla stazione di Vicenza - dove il bus fa tappa - ha iniziato a dare in escandescenze. Dopo che quasi tutti i passeggeri erano scesi e il mezzo era pronto a ripartire per Verona si impuntato che voleva fare il viaggio in piedi. Inutili gli avvisi del conducente che si è visto costretto a chiamare la polizia.
Sul posto sono arrivate due pattuglie delle volanti che hanno invitato il giovane a scendere e a fornire le proprie generalità. Una richiesta sistematicamente rifiutata che ha avuto come risposta da parte del nigeriano l'agrapparsi alle maniglie di sedile rifiutandosi di scendere. È nato un parapiglia con gli agenti intervenuti: prima il 22enne ha tentato più volte di prendere la pistola a uno di loro che gli ha spruzzato in faccia lo spray urticante ed è riuscito a mettergli le manette a un polso. L'uomo si è però divincolato ed è fuggito a gambe levate in direzione di piazzale Bologna, inseguito dagli agenti.
Ci sono voluti quattro poliziotti a bloccarlo definitivamente in via Battaglione Monte Berico, sotto gli occhi di molti studenti che aspettavano il bus e che hanno filmato la scena con i telefonini. Per arrestarlo gli agenti hanno dovuto usare ancora lo spray e amanettarlo in mezzo alle pozzanghere. Portato in questura, il 22enne è stato accusato di resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio.

Un film ormai quotidiano,con un altro “fortunato”, non più Desmond Lucky ma Osi Lucky. Cambiano la città ma resta il protagonista , “eroe” nigeriano di turno.

Che sceneggiature pazzesche da film degli anni 70…

Un’alta percentuale di schifo grazie alle Sinsitre e agli indifferenti ignavi che , come complici, hanno contribuito a rimpinguare il lato violento e grottesco della nostra decandente e morente Società.

Ma continuate a far finta di nulla…

Annunci