Sud Africa, Ospedale bloccato e medici minacciati di essere arsi vivi

Potchefstroom, Sud Africa. I neri , liberi dall’Apartheid, adesso circondano un intero ospedale, vietando l’accesso al personale ed ai medici, dicendosi pronti a bruciarli tutti vivi.

[_________Fash_and_Furious___]

Stiamo seguendo con molta apprensione quello che ormai sta avvenedo da più di 24 ore in Sud Africa.
Molti pazienti potrebbero morire, se al momento già non ci siano morti, mentre fuori dalle loro finestre continuano a bruciare pneumatici…

TIMES.live.

I manifestanti stanno nuovamente bloccando l'accesso agli ospedali nel Nord Ovest e stanno minacciando di bruciare i medici che cercano di accedere ai loro luoghi di lavoro per curare i pazienti.
Venerdì mattina, i manifestanti hanno bloccato l'accesso all'ospedale Potchefstroom. I medici che tentano di accedere all'ospedale sono stati minacciati di essere stati bruciati, ha detto il dott. Ebrahim Variava, professore di Wits e specialista all'ospedale di Tshepong.
Un medico ha scattato un video di pneumatici bruciati fuori dall'ospedale. Un altro dottore ha inviato immagini di Variava di attaccanti che stavano rimuovendo i medici dai reparti dell'ospedale di Klerksdorp.
Klerksdorp è un ospedale di riferimento che tratta i pazienti più malati di tutta la provincia, ma ora è a corto di personale, ha spiegato.
Ciò avviene quando la Forza nazionale di difesa della SA ha affermato che il suo coinvolgimento nella crisi aveva riportato la situazione alla normalità.
La lettera diceva anche che i pazienti affetti da tubercolosi non assumevano farmaci in tempo a causa di scorte di medicinali e questo potrebbe causare la TBC resistente ai farmaci nei pazienti, che potrebbe diffondersi. Ha aggiunto che le donne incinte non sono state gestite bene a causa delle interruzioni, che potrebbero avere conseguenze negative - o addirittura mortali - per il bambino o la madre.
I dottori hanno anche chiesto che il gruppo di lavoro si occupi del fatto che la sicurezza dell'ospedale non è in grado di fermare la folla di persone che infestano gli ospedali. La sezione 27 del gruppo per i diritti civili venerdì ha condannato la violenza negli ospedali.
In un comunicato stampa ha detto: "La violenza e l'interruzione dei servizi sanitari sta portando alla perdita immediata della vita poiché ai pazienti viene negato l'accesso alle strutture sanitarie e ai medici e ad altri viene impedito di fornire assistenza.
"Alcuni dei rapporti che abbiamo ricevuto includono i manifestanti che invadono i teatri, le minacce alla vita dei medici, i medici che vengono espulsi con la forza dai reparti ospedalieri e gli ingressi agli ospedali vengono bloccati, il che significa che non possono essere consegnati rifornimenti o farmaci.
"Riteniamo che tali forme di protesta siano grossolanamente irresponsabili e moralmente riprovevoli".

Avete mai visto una protesta di bianchi espressa con simili modalità in simili luoghi?

Annunci